Per molti con la fibromialgia, lo stigma apre la strada al trattamento

Salute E Medicina Video: Artritis y artrosis, cómo tratarlas de forma natural por Adolfo Pérez Agustí (Dicembre 2018).

Anonim

Un nuovo sondaggio rileva che il 59% dei pazienti con fibromialgia ha ritardato il trattamento diagnostico o terapeutico a causa del timore che le persone pensassero di lamentarsi o di fingere sintomi.

MERCOLEDÌ 29 FEBBRAIO 2012 - Oltre sei milioni di americani sono attualmente diagnosticati con, una malattia cronica del dolore con sintomi come dolori muscolari, affaticamento e umore. Ma secondo una nuova indagine, molti pazienti scelgono di sopportare il disagio e la rottura della vita con la fibromialgia a causa dello stigma associato a questa condizione spesso fraintesa.

Il sondaggio online di 400 adulti con fibromialgia è stato condotto dalla American Osteopathic Association. Tra i risultati, il 59 percento degli intervistati ha ritardato l'ottenimento di una diagnosi o un trattamento per paura che le persone pensassero che si lamentassero o fingessero sintomi, e il 39 percento non credeva che sarebbero stati presi sul serio. In media, i pazienti hanno avuto sintomi di fibromialgia per tre anni e hanno visto almeno tre diversi medici prima di ricevere una diagnosi accurata.

La loro riluttanza forse non è sorprendente. Secondo il sondaggio, un americano su tre non ha mai sentito parlare di fibromialgia o non lo considera una malattia. E poiché la fibromialgia è una cosiddetta, è comune per coloro che vivono con la condizione (che possono sembrare perfettamente sani all'esterno) per sentire che gli altri - inclusi gli operatori sanitari, familiari e amici - non li prendono sul serio.

La mancanza di comprensione può essere anche maggiore rispetto ad altre condizioni di dolore cronico. Uno studio del 2010 pubblicato su Annals of the Rheumatic Diseases che ha confrontato le esperienze di pazienti con fibromialgia e con artrite reumatoide ha rilevato che i pazienti fibro hanno riportato una comprensione significativamente inferiore rispetto alla famiglia, ai professionisti medici, ai colleghi e ai servizi sociali rispetto a quelli con RA. Il fatto che la maggior parte dei pazienti con fibromialgia siano può anche svolgere un ruolo nella stigmatizzazione di questo disturbo.

Ma la fibromialgia ha un enorme impatto sulla vita quotidiana dei pazienti. Quasi tutti (il 97%) degli intervistati potrebbero indicare almeno un'attività che farebbero più spesso se non ne avessero la condizione, comprese quelle quotidiane come dormire durante la notte (81%) e fare esercizio (80%).

Anche se non esiste una cura per la condizione, il solito comporta un approccio a più fasi che include sia i farmaci che altri cambiamenti nello stile di vita. Ma il primo passo per ottenere aiuto è trovare il medico giusto.

In un comunicato stampa sul sondaggio, Jennifer Caudle, DO, un medico di famiglia certificato a bordo AOA a Philadelphia e un assistente professore presso l'Università di Medicina e Odontoiatria della New Jersey-School of Osteopathic Medicine, ha sottolineato questo punto: "Il più importante Un passo per vivere una vita attiva con fibromialgia è trovare il medico giusto. I pazienti con fibromialgia possono vivere una vita normale e in buona salute con il supporto di familiari, amici e un medico che è disposto a lavorare con loro uno contro uno ".

Per molti con la fibromialgia, lo stigma apre la strada al trattamento
Categoria Di Problemi Medici: Suggerimenti