Sclerosi multipla e il dono di ricevere

Salute E Medicina Video: Evento: Erica F. Poli – Seminario: Viaggio al Buio (Milano, 12 maggio 2018) (Dicembre 2018).

Anonim

Ho passato la mattinata a scrivere gli appunti di ringraziamento oggi. La pila di persone che si sono fermate, hanno portato un pasto, inviato fiori o semplicemente fatto telefonate di controllo nelle ultime tre settimane sono davvero umilianti. Mi ha portato all'argomento di oggi. Ci sono state molte volte negli ultimi due anni in cui abbiamo avuto commenti sul "permettere" a qualcuno di aiutare (troppi per trovare e collegare in questo post). Sappiamo tutti che è bello fare qualcosa per qualcuno; odiamo solo essere qualcuno che ha bisogno di assistenza.

Cayrn (la mia fidanzata) e ho fatto un accordo quando ho deciso di programmare questo intervento chirurgico. Sapendo che non poteva essere circa 24 ore su 24 per la settimana che era stata raccomandata per le cure dopo la dimissione dall'ospedale, ho accettato di trascorrere una . Non era l'ideale per nessuno di noi, ma ero disposto a fare la mia metà del sacrificio, se lei fosse stata e noi eravamo d'accordo.

Poi, circa un mese e mezzo fa, ho avuto un bagliore dell'ovvio e ho chiesto a mio padre se sarebbe stato disposto a venire a stare con noi per un paio di settimane e dare una mano. Era più economico di quello che sarebbe stato il mio co-pagamento e papà è andato in pensione, così ha avuto il tempo. Inoltre gli avrebbe offerto la possibilità di trascorrere un po 'di tempo con la sua futura nuora.

Era più che volenteroso e anche mia madre lo era (credo che i 17 giorni trascorsi qui fossero i più lunghi da quando erano sposati!).

Chiedere aiuto non è mai facile. Mi sono reso conto che aiutare qualcuno, è uno dei più grandi doni che possiamo offrire.

Mentre il papà cambiava i miei vestiti nel mio primo giorno a casa, notò quanto rosso e irritato la pelle attorno alla mia ferita fosse diventata dal nastro. Strofinò delicatamente l'area con la punta delle dita e fummo trasportati indietro di circa 35 anni. Ero suo figlio e lui era mio padre, che si prendeva cura di me con amore e cura in un modo che nessun altro avrebbe mai potuto o potuto fare. Quando gliel'ho riferito, non ha detto niente. Più tardi quella settimana, mi disse che quando glielo dissi, non poté parlare; sentiva la stessa identica cosa

Le persone sono generalmente buone; vogliamo fare la cosa giusta. Se abbiamo bisogno di aiuto con le cose che rendono la nostra vita vivibile, non dovremmo esitare a prendere qualcuno su quella frase "Se c'è qualcosa che posso fare …". Lo dicono sul serio; lo intendiamo tutti quando lo diciamo. Perché quando abbiamo bisogno di aiuto ignoriamo l'offerta?

Dicono che è meglio dare che ricevere. Bene, non ho intenzione di discutere con "loro". Tuttavia, dirò, ho visto la gioia (quasi il sollievo) nei volti delle persone quando in realtà chiedo aiuto. Quale regalo migliore dare di permettere a qualcuno di darti? Lo chiamo il dono di ricevere.

Penso che potremmo tutti prendere un momento e ricordarlo quando i tempi sono difficili. Lo dobbiamo a chi ci è più vicino per aiutare. Li fa ancora più bene di quanto non facciano noi.

Infine, a tutti coloro che inviano commenti e / o e-mail a Caryn e a me nelle ultime settimane, ringrazio anche voi. Significava davvero molto!

Augurando a te e alla tua famiglia il meglio della salute.

Saluti

Trevis

Sclerosi multipla e il dono di ricevere
Categoria Di Problemi Medici: Malattie